lunedì 11 aprile 2011

Uova di Pasqua


Da quanto tempo non scrivevo, mi si è rotto il computer, ma in effetti ancora non l'ho riparato, ci sono periodi in cui non si ha tanta voglia di mettersi al computer.
Adesso però non potevo non scrivere, ho fatto l'uovo!
Vi illustro il procedimento che ho seguito basato sui miei esperimenti, perciò se avete anche voi suggerimenti per me o esperienze da condividere ne sarei ben lieta. Mi si è rotto sei volte prima di riuscire a capire che sbagli facevo.
Io ho fatto così:
ho spezzettato il cioccolato grossolanamente e l'ho fatto fondere a bagnomaria in una bacinella d'acciaio misurando la temperatura con un termometro (50°) poi ho tolto la bacinella dal bagnomaria e ho aspettato che il cioccolato si raffreddasse girando di tanto in tanto. Non ho messo la bacinella in un bagnomaria freddo per raffreddare perchè il cioccolato si solidificava sulle pareti della bacinella. Quando ha raggiunto la temperatura di 29° l'ho rimesso nel bagnomaria caldo per pochi istanti finchè la temperatura del cioccolato si è fermata a 31°. Tutto questo è servito per temperare il cioccolato, ma voi seguite il metodo che più vi piace.





 A questo punto ho versato il cioccolato nello stampo riempendolo il più possibile, e ho capovolto lo stampo per circa mezzo minuto ( non per tanto tempo altrimenti va via troppo cioccolato e l'uovo diventa troppo sottile e si rompe), ho spostato l'uovo così capovolto in freezer per fermare la colatura del cioccolato e farlo cominciare a solidificare, ma dopo poco l'ho tirato fuori prima che si solidificasse completamente per tirare via l'eccesso di cioccolato dai bordi con una spatola (questa operazione deve essere fatta prima che il cioccolato sia del tutto solidificato, altrimenti raschiando il bordo si rischia di rompere anche l'uovo).



 Infine si lascia l'uovo in freezer per circa mezz'ora finchè si riesce facilmente a staccare il cioccolato dallo stampo.
Tutto ciò si deve ripetere due volte se si possiede uno stampo come il mio con solo metà uovo! 


 Le due metà sono state unite sciogliendo il bordo su una teglia da forno calda, ma prima di fare ciò non dimenticate di mettere dentro la sorpresa. Io mi ero conservata dei contenitori da sorpresa di uova di Pasqua degli anni precedenti, quindi sono andata sul sicuro.
L'uovo è stato poi decorato da mio figlio con pasta di zucchero colorata ed incartato in carta trasparente per resistere alla polvere (e non solo!) fino a Pasqua.
Se siete riuscite a leggere tutto aspetto qualche vostro consiglio utile!

Ed ecco la mia altra grande passione...erano passati dieci anni dall'ultima volta, ma ora...sta tornando!



Grazie B. e O. per le foto.

7 commenti:

  1. hai fatto un bellissimo uovo che neanche la più esperta gallina sarebbe riuscito a farlo

    RispondiElimina
  2. Stupendo!! per un bellissimo regalo di Pasqua!

    RispondiElimina
  3. A Lucrezia: Primo utilizzo del computer nuovo
    A Myriam grazie

    RispondiElimina
  4. ....mi è passata la voglia di provare a farlo! Troppo complicato e io non ho pazienza per queste cose! Tu sei stata proprio brava e tenace visto che lo hai rifatto così tante volte!!! Complimenti anche al maestro decoratore! PS - sai che ora anch'io faccio corsi di sugar art? Baci

    RispondiElimina
  5. Lo so che hai pazienza invece...
    Ho visto che fai i corsi, come ti stai trovando?
    Magari vengo anch'io a qualche edizione!

    RispondiElimina
  6. sto facendo i base, quelli avanzati li faccio il mese prossimo a udine. Vienimi a trovare a Padova in centro il 13 e 14 che sarò lì con uno stand sul wedding. Baci

    RispondiElimina
  7. Mi piacerebbe tantissimo venire, è che ho il compleanno del bimbo...

    RispondiElimina

Sono contenta di fare la vostra conoscenza, per qualunque cosa vogliate dirmi, lasciate un commento, siete i benvenuti!